Finta rapina in autostrada, restano in carcere i due vigilantes ‘infedeli’: uno di loro è di Napoli

internapoli

Cronaca

05 novembre 2019

Finta rapina in autostrada, restano in carcere i due vigilantes ‘infedeli’: uno di loro è di Napoli

Di Saverio Di Donato

Restano in carcere il 35enne napoletano Marco D’Ambrosio e il presunto complice Domenico Aversa, 57, di Scandale, Crotone, entrambi residenti in Germania e accusati di aver simulato l’assalto al portavalori lungo l’A22 del Brennero. Il giudice Barbara Malvasi ha convalidato il fermo delle due guardie giurate che, dopo aver raccontato la propria verità dinanzi al pm hanno ribadito la propria posizione, ieri mattina, in carcere nel corso dell’interrogatorio di garanzia. E’ stato proprio quest’ultimo, un idraulico di 44 anni residente a Reggio Emilia, a confessare di aver simulato l’assalto al Portavalori, partito da Stoccarda e diretto a Bologna.

Sempre il 44enne ha indicato agli uomini della mobile il garage dove era stato nascosto l’ingente bottino: dieci milioni di euro in banconote, gioielli e preziosi orologi. D’Ambrosio e Aversa avevano telefonato da un bar di Parma denunciando di essere appena stati rapinati, dopo essere stati incappucciati e tenuti in ostaggio da almeno tre banditi armati di fucili. Secondo il racconto delle due presunte vittime, il commando li aveva intercettati all’altezza del casello di Carpi, per poi minacciarli con le armi e obbligarli a guidare fino a Correggio. Qui i rapinatori avrebbero svuotato il blindato per poi farli salire su un altro mezzo e scaricarli a Parma. Le immagini dei filmati hanno però mostrato un altra verità: l’unico furgone che avrebbe affiancato il portavalori sarebbe stato proprio quello del nipote del 57enne che, all’interno del proprio mezzo avrebbe poi travasato i colli contenenti i valori. I tre avrebbero simulato il violento assalto per poi, una volta calmate le acque, spartirsi l’ingente bottino. Ieri il giudice, ravvisando il pericolo di fuga, avendo i due già i biglietti in mano per tornarsene in Germania, ha disposto la custodia cautelare in carcere. Lo riporta Il Resto del Carlino.

https://internapoli.it/finta-rapina-in-autostrada-restano-in-carcere-i-due-vigilantes-infedeli-uno-di-loro-e-di-napoli/

Finta rapina in autostrada, restano in carcere i due vigilantes ‘infedeli’: uno di loro è di Napoliultima modifica: 2019-11-06T11:30:59+01:00da sagittario290

2 pensieri su “Finta rapina in autostrada, restano in carcere i due vigilantes ‘infedeli’: uno di loro è di Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *