Lavoro, l’Aeroporto Marconi cerca addetti alla sicurezza

BolognaToday

Offerte di lavoro

14 febbraio 2019

Lavoro, l’Aeroporto Marconi cerca addetti alla sicurezza

Assunzioni a tempo determinato, part time misto a 20 ore settimanali

L’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna seleziona addetti alla security (Guardie Particolari Giurate), per assunzioni a tempo determinato, part time misto a 20 ore settimanali, a partire indicativamente da giugno 2019.

L’attività prevede il controllo di tutti i passeggeri che passano attraverso le aree di restrizione (sala imbarchi) utilizzando le apparecchiature radiogene, il controllo bagagli a mano e da stiva e tutto ciò che passa nelle aree ristrette usando le apparecchiature radiogene e a volte l’ispezione manuale per garantire che nessun oggetto proibito passi nelle aree ristrette e possa essere fonte di danno per gli altri passeggeri o per l’aeromobile; servizio di sorveglianza e pattugliamento del sedime aeroportuale, l’intervento nelle situazioni di emergenza che possono sopravvenire (es. evacuazione del terminal). Link per inviare CV dettagliato.

Requisiti

Diploma Scuola Media Superiore, buona conoscenza lingua inglese (almeno livello B1), cittadinanza comunitaria, età compresa tra i 20 e i 45 anni, residenza/domicilio nella provincia di Bologna o zone limitrofe, disponibilità al lavoro a turni h24, patente cat. B e devono essere disoccupati.

L’iter di selezione

Test di lingua inglese (con certificazione minima B1), test psicoattitudinali certificati da psicologo del lavoro, colloquio motivazionale, background check, visita medica, corso retribuito, con indennità di frequenza, di circa 2 mesi (tra marzo e maggio) con esame finale da sostenere con ENAC per ottenere l’abilitazione allo svolgimento dell’attività di Guardia Particolare Giurata.

http://www.bolognatoday.it/economia/offerte-di-lavoro/aeroporto-marconi-guardie-giurate-addetti-sicurezza.html

Lavoro, l’Aeroporto Marconi cerca addetti alla sicurezzaultima modifica: 2019-02-15T11:15:51+01:00da sagittario290
Reposta per primo quest’articolo