Vigilanza privata, riprende il confronto per il Ccnl: i punti discussi

CCNL Vigilanza Privata

26 GIUGNO 2020

Vigilanza privata, riprende il confronto per il Ccnl: i punti discussi

Si è tenuto il secondo incontro, dopo la ripresa del negoziato, per il Ccnl Vigilanza Privata e Sicurezza.

La discussione ha consentito di giungere ad un testo conclusivo per la “sfera di applicazione”: tassello fondamentale per definire il “perimetro” delle attività per le quali si disciplina il rapporto di lavoro: oltre alla classica vigilanza privata, si menzionano i servizi di sicurezza (sparisce finalmente l’improprio termine “fiduciari”), le attività di stewarding e i “servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi”.

In sintesi, l’intera filiera della Sicurezza, con l’unica eccezione dell’attività di investigazione (in cui, però, prevale il lavoro autonomo) e i servizi “anti-pirateria” a bordo navi.

Si è successivamente affrontato lo spinoso tema della Classificazione. L’impostazione sindacale verte sull’obiettivo fondamentale di ritornare al sistema della classificazione unica, nel quale ad ogni livello di inquadramento corrisponda una declaratoria omogenea e una sola retribuzione.

Ciò è compatibile con un’articolazione anche per comparti (quante sono le attività sopra indicate), nelle quali si possano identificare le specifiche mansioni. Sotto questo profilo, nel caso dei Servizi di Sicurezza, vi è la necessità di colmare alcune lacune e contraddizioni della precedente impostazione; sono emerse diverse vedute relative alla corretta collocazione dell’attività di contazione.

Altro aspetto di rilievo sul quale si sono registrate profonde distanze è il salario di ingresso: la richiesta di ridurre il periodo da 48 a 36 mesi e di limitarne il ricorso esclusivamente al primo impiego nel settore è stata giudicata eccessiva dalle associazioni datoriali.

Pur costatando questi elementi di difficoltà, occorre apprezzare il fatto che finalmente il confronto si sta sviluppando sulla base dei testi predisposti dalle organizzazioni sindacali e con l’impegno delle associazioni datoriali a fornire di volta in volta proposte di sintesi sui vari argomenti.

Nella prossima seduta del 10 luglio verificheremo se questo metodo si confermerà, sui temi della salute e sicurezza, previdenza e assistenza sanitaria integrative, permessi e congedi.

Vigilanza privata, riprende il confronto per il Ccnl: i punti discussiultima modifica: 2020-06-27T11:30:50+02:00da sagittario290

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *