Istituti di Vigilanza Privata: mancato godimento delle pause lavorative e ripartizione dell’onere della prova

Servizi

lunedì, 08 aprile 2024

Istituti di Vigilanza Privata: mancato godimento delle pause lavorative e ripartizione dell’onere della prova

In ipotesi di mancato godimento delle pause retribuite ex art. 74 del CCNL Istituti di Vigilanza Privata il lavoratore deve provare la mancata fruizione; le modalità alternative, così come il godimento di riposi compensativi, devono invece essere provati dal datore di lavoro (Cassazione – ordinanza 2 aprile 2024 n. 8626, sez. lav.)

Il caso

La Corte d’appello di Napoli rigettava le domande di due lavoratori, volte ad ottenere la condanna della società datrice di lavoro al pagamento di somme a titolo retributivo per il mancato godimento dei dieci minuti di pausa previsti dal CCNL di categoria con riferimento ad un orario settimanale di 40 ore per 8 ore giornaliere scandite su cinque giorni di lavoro e uno di riposo, con turni mattutini, pomeridiani o notturni, in ragione delle mansioni di guardie particolari giurate armate.
I giudici di secondo grado escludevano la fondatezza della pretesa dei lavoratori sul presupposto che essi non avessero allegato la mancata fruizione del riposo compensativo contrattualmente previsto, come sarebbe spettato loro provare.
Avverso tale decisione uno dei due lavoratori ha proposto ricorso per cassazione, lamentando, tra i motivi, che la Corte di merito avesse erroneamente invertito l’onere probatorio del mancato godimento della pausa retribuita della durata di dieci minuti, ponendolo a carico del lavoratore, anziché del datore di lavoro, che aveva affermato l’adempimento della propria obbligazione di riposo compensativo, in favore del primo.

La decisione della Cassazione

La Suprema Corte ha accolto il ricorso, riaffermando, innanzitutto, il diritto del lavoratore, che presti un’attività con orario giornaliero superiore alle sei ore consecutive, ad una pausa retribuita della durata di dieci minuti da fruire sul posto di lavoro o, in mancanza, di un riposo compensativo di pari durata nei trenta giorni successivi, ai fini del recupero delle sue energie psicofisiche.
Il Collegio ha, poi, evidenziato che nel caso di specie, il lavoratore aveva allegato di non aver mai usufruito delle citate pause e che la società non aveva mai individuato le modalità, in relazione alla tipologia del servizio, per consentire ai lavoratori il godimento di tali pause. Con ciò, dunque, il lavoratore aveva pienamente assolto al proprio onere di allegazione e di prova; non competeva, infatti, allo stesso anche l’allegazione e la prova del mancato godimento dei riposi compensativi di pari durata, da godere nei trenta giorni successivi, sostitutivi delle pause non godute, atteso che il godimento di riposo compensativo integra un fatto estintivo il cui onere di allegazione e prova incombe su chi l’eccepisca, ossia il datore di lavoro.
Al contrario, secondo quanto affermato dai giudici di legittimità, nel caso sottoposto ad esame i giudici di merito avevano attribuito l’onere della prova ad una parte diversa da quella che ne era onerata, secondo le regole di scomposizione delle fattispecie basate sulla differenza tra fatti costitutivi ed eccezioni.
Sulla base di tali presupposti, la Corte ha cassato con rinvio la sentenza impugnata, enunciando il principio di diritto secondo cui, nel caso di mancato godimento da parte del lavoratore delle pause retributive della durata di dieci minuti, previste dall’art. 74 del CCNL per i dipendenti degli Istituti di Vigilanza Privata, l’onere del lavoratore di allegazione e prova del fatto costitutivo del proprio diritto riguarda la prestazione di un’attività giornaliera superiore a sei ore consecutive, senza aver goduto della pausa retribuita; le modalità alternative, così come il godimento di riposi compensativi, devono invece essere provati dal datore di lavoro.

di Chiara Ranaudo

Cassazione – ordinanza 2 aprile 2024 n. 8626, sez. lav.

https://www.iqnotizie.it/notizia/IQ21766-30-0001/Istituti-di-Vigilanza-Privata-mancato-godimento-delle-pause-lavorative-e-ripartizione-dell%E2%80%99onere-della-prova

Istituti di Vigilanza Privata: mancato godimento delle pause lavorative e ripartizione dell’onere della provaultima modifica: 2024-04-09T12:00:50+02:00da sagittario290