Usip e guardie giurate in piazza «Sicurezza per le forze dell’ordine»

CORRIERE-DEL-MEZZOGIORNO_it

SICUREZZA

8 giugno 2021

Usip e guardie giurate in piazza «Sicurezza per le forze dell’ordine»

Alviti: chiediamo condizioni di lavoro dignitose anche per i vigilantes

L’Unione Sindacale Italiana dei Poliziotti di Napoli (USIP) insieme alla Uil Campania, e con l’ Associazione nazionale guardie particolari giurate (Angpg) nell’ambito dell’iniziativa della Uil nazionale «Zero Morti sul Lavoro», sono stati presenti a Napoli, in largo Berlinguer (via Toledo) per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro tramite una raccolta firme per la petizione a favore di investimenti mirati da parte del governo su queste tematiche. «Le donne e gli uomini della polizia con il loro lavoro quotidiano cercano di tutelare e mettere in sicurezza la vita dei cittadini, ma queste lavoratrici e lavoratori operano in condizioni al limite, in sedi non sempre ben attrezzate, dove spesso domina il degrado e in cui non vengono rispettate nemmeno le minime condizioni di sicurezza», è quanto affermano Giovanni Sgambati e Roberto Massimo, rispettivamente segretari generali della Uil Campania e dell’ Usip Napoli. Roberto Massimo segretario Generale Usip ha aggiunto le figure delle guardie particolari giurate, guidate da Giuseppe Alviti, presidente nazionale associazione guardie particolari giurate era oggi presente con una propria delegazione per lanciare il grido di allarme di una categoria, le guardie giurate «da sempre dimenticate da uno stato latitante ed solo grazie alla vicinanza dei sindacati di polizia si potrebbe ottenere una “ rivoluzione “ del Tulps per modificare qualifica e doveri tutelandole».

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/21_giugno_08/usip-guardie-giurate-piazza-sicurezza-le-forze-dell-ordine-dea228cc-c856-11eb-9b41-c4e6a1ea2ef6.shtml

Usip e guardie giurate in piazza «Sicurezza per le forze dell’ordine»ultima modifica: 2021-06-09T11:00:41+02:00da sagittario290

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *