Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressori

veneziatoday

Cronaca

17 maggio 2019

Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressori

Sarebbe successo nella serata di ieri in via Fusinato, attorno alle 21.20, poco distante dalla stazione di Mestre. Molti i testimoni. Sul posto una guardia giurata e i carabinieri

Stavano passeggiando poco distante dalla stazione ferroviaria, in compagnia dei propri amici a 4 zampe, quando una coppia di cittadini extracomunitari, probabilmente africani, avrebbe cominciato a provocarli verbalmente e poi aggredirli fisicamente. A quel punto uno dei cani, un pitbull che portavano al guinzaglio (ma senza museruola) avrebbe preso le difese dei padroni, azzannando i malintenzionati. È successo nella serata di ieri, attorno alle 21.20, in via Fusinato.

«Provocazioni indiscriminate»

Non è chiaro per quale ragione i due cittadini stranieri abbiano cominciato ad inveire, anche pesantemente, contro i due giovani, un ragazzo e una ragazza. Chi ha assistito alla scena parla di «provocazioni indiscriminate di uno dei due extracomunitari». Alle provocazioni e agli insulti sarebbero seguiti schiaffi, pugni e anche il lancio di sassi di varie dimensioni. Con le vittime che avrebbero cominciato a gridare, per invocare aiuto. È a quel punto che il pitbull avrebbe quindi attaccato uno dei due aggressori, per difendere i padroni.

L’intervento dei carabinieri

Di lì a poco sarebbe arrivata una guardia giurata in servizio in quel momento, che sarebbe riuscita a trattenere il cittadino più violento, evitando che la situazione potesse prendere una brutta piega. Pochi minuti dopo, è intervenuta una gazzella dei carabinieri, con i militari dell’Arma che avrebbero riportatopoi la situazione alla normalità.

http://mestre.veneziatoday.it/pitbull-azzanna-extracomunitari-stazione.html

Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressoriultima modifica: 2019-05-18T11:00:08+02:00da sagittario290
Reposta per primo quest’articolo