«Stiamo morendo di fame»: i vigilanti di Catanzaro protestano

Economia e Lavoro

giovedì 8 novembre 2018

«Stiamo morendo di fame»: i vigilanti di Catanzaro protestano

I lavoratori hanno manifestato davanti alla sede dell’azienda in via Molè, in attesa degli stipendi da quasi un anno

Di Rossella Galati

«Noi stiamo morendo di fame. Io mi devo far prestare i soldi per comprare il pane o una fettina di carne». Non hanno più soldi per sfamare le loro famiglie, sono i lavoratori dell’Istituto di Vigilanza privata notturna e diurna di Catanzaro, da mesi in attesa dei loro stipendi. Sono scesi per strada, in via Molè, davanti la sede dell’azienda, a protestare. Tra i lavoratori, una ventina circa, c’è chi avanza da 5 a 10 mensilità. «Non ne possiamo più – dicono – adesso basta. Le istituzioni non ci sono, chi ci tutela? Io avanzo sei mensilità – afferma con rabbia un lavoratore – il mio collega ne avanza 10, un altro avanza assegni familiari da oltre 1 anno e mezzo. Un altro ancora deve pagare un affitto di 900 euro al mese. Cosa dobbiamo fare? C’è gente che non ha un euro per prendere un caffè al distributore automatico. E secondo loro dobbiamo andare dagli strozzini a chiedere soldi?» La speranza era quella di poter ricevere parte dei loro stipendi, o almeno un acconto di 500 euro, entro la fine di ottobre «ma – aggiungono – ancora una volta abbiamo sentito solo parole, è vergognoso. L’azienda è sempre stata disponibile, le porte sono state sempre aperte ma questo fino a ieri. Ieri si è toccato il fondo, siamo stati ricevuti e ci hanno detto che 500 euro sarebbero venuti fuori, forse, solo per i casi più urgenti. Ma qui siamo tutti nella stessa situazione. A questo punto ci possono anche licenziare, non è un problema – concludono i lavoratori – almeno prendiamo la disoccupazione e sappiamo di avere un’entrata fissa per due anni».

https://lacnews24.it/economia-e-lavoro/lavoro-vigilanza-catanzaro-protesta-catanzaro_68093/

«Stiamo morendo di fame»: i vigilanti di Catanzaro protestanoultima modifica: 2018-11-09T12:00:07+01:00da sagittario290
Reposta per primo quest’articolo