Securpol Security, dalla Asl un Avviso Pubblico per assicurare la continuità del servizio

Politica

16 settembre 2016 19:45

Securpol Security, dalla Asl un Avviso Pubblico per assicurare la continuità del servizio

Nuovo incontro tra dipendenti Securpol, Asl e Prefettura nelle ultime ore: l’Azienda Sanitaria ha proposto il via a un Avviso Pubblico indirizzato ad altre imprese del settore della vigilanza per salvaguardare il servizio. Presto nuovo tavolo per i dipendenti ‘fuori Asl’.

Lecce. Si avvicina a una svolta la nota vertenza Securpol che nelle ultime ore si è arricchita di un nuovo capitolo. Dopo settimane di protesta da parte di decine di lavoratori impiegati nel servizio di guardiania presso l’Asl di Lecce a causa di svariate mensilità in ‘arretrato’, i rappresentanti dei lavoratori sono stati ricevuti in Prefettura.

All’incontro negli uffici di via XXV Luglio, proprio dove lo scorso 31 agosto si erano riuniti i lavoratori in protesta, hanno partecipato le sigle sindacali in rappresentanza dei dipendenti della Securpol Security, il Direttore Amministrativo dell’Asl, il dottor Pastore, e il Capo di Gabinetto del Prefetto. Nessuno era presente, invece, in rappresentanza della stessa Securpol.

All’atteso incontro l’Unione Sindacale di Base era arrivata con due proposte molto chiare. La prima: l’immediata rescissione del contratto Asl per ‘grave inosservanza degli obblighi da parte di Securpol Security relativi non solo ai mancati o tardivi pagamenti degli stipendi, ma anche – hanno spiegato dal sindacato – ‘per le condizioni di lavoro vessatorie, la mancata tutela della salute dei lavoratori, le contestazioni disciplinari pretestuose nei confronti degli iscritti’ viste come preludio di massicci licenziamenti.

Nella stessa sede Usb ha anche chiesto il diniego del rinnovo della licenza alla stessa Securpol con la contestuale salvaguardia del livello occupazionale dei lavoratori che non fanno parte del servizio per l’Azienda Sanitaria Locale.

A seguito delle proposte, dalla Asl, dopo aver ribadito che il contratto per il servizio di vigilanza è scaduto dallo scorso maggio, così come è scaduta la “proroga tecnica” fissata in 90 giorni, nelle more dell’indizione della nuova gara d’appalto espletata a livello regionale, ha prospettato l’idea di dare il via ad un “avviso pubblico” indirizzato ad altre aziende operanti nel settore della vigilanza privata al fine di assicurare la continuità del servizio. L’ipotesi è stata vista con favore da tutte la parti sedute al tavolo e il tutto dovrebbe essere espletato nel giro di tre, massimo quattro, settimane.

Quanto al diniego della licenza, la Prefettura ha chiarito che il procedimento amministrativo è alle battute finali: dagli uffici prefettizi è giunto l’impegno di convocare un nuovo tavolo di confronto per la salvaguardia dei posti di lavoro per i dipendenti ‘fuori’ Asl.

http://www.leccenews24.it/politica/-8203-securpol-security-dalla-asl-un-avviso-pubblico-per-assicurare-la-continuita-del-servizio.htm

Securpol Security, dalla Asl un Avviso Pubblico per assicurare la continuità del servizioultima modifica: 2016-09-17T11:30:21+02:00da sagittario290