Nocera. I clochard dormono nell’ospedale, entrano di notte e si appartano nelle zone meno frequentate

Cronaca

29 gennaio 2016

Nocera. I clochard dormono nell’ospedale, entrano di notte e si appartano nelle zone meno frequentate

Nocera. Trovano un posto caldo e accogliente nelle fredde notti invernali. Si tratta di alcuni clochard che da qualche tempo si rifugiano nei corridoi dell’ospedale “Umberto I”. All’esterno il termometro scende a pochi gradi, mentre all’interno del nosocomio il riscaldamento è sempre in funzione. Un posto, dunque, caldo e sicuramente più accogliente di un marciapiedi per dormire. Un fenomeno che si sta notevolmente amplificando. Da una persona, sembra che ormai siano tre i senza fissa dimora che hanno eletto domicilio notturno nella struttura di viale San Francesco. Due i posti preferiti per riposare: l’area degli ambulatori nei pressi della cappella e il vano ascensori tra il vecchio pronto soccorso e la dialisi. Il primo punto è comodo anche per curare l’igiene personale, perché lì ci sono due bagni aperti sempre al pubblico. Qualche tempo fa uno di loro si è spinto fin dentro la direzione sanitaria per lavarsi. L’altra mattina la situazione è degenerata, tanto che è stato chiesto l’intervento delle guardie giurate. Nell’area della cappella sembra fossero stati lasciati panni sporchi e maleodoranti. I dipendenti della struttura non escludono che qualcuno si sia pure lasciato andare fisiologicamente. Insomma, una questione davvero scabrosa. La notizia è arrivata ai vertici dell’ospedale. Il direttore sanitario Maurizio D’Ambrosio è stato informato dell’accaduto e ha chiesto «alle guardie giurate di vigilare maggiormente nelle ore notturne perché non si verifichino più simili episodi». Sono così aumentate le perlustrazioni, anche nel sottoscala, e si controlla con più attenzione se gli ambulatori vengono chiusi a chiave. Questi clochard pare che arrivino in seconda serata, quando l’ospedale comincia a spopolarsi, e vadano via prima del cambio turno mattutino. Fantasmi che si aggirano per l’ospedale più importante dell’Asl Salerno senza che nessuno se ne accorga, se non quando la situazione degenera. Una decina di giorni fa un’addetta alle pulizie notturne ha preso un grosso spavento trovandosi di fronte, appisolato nei pressi della dialisi, uno di questi barboni. Nessun problema di sicurezza è stato riscontrato finora, ma il personale in servizio di notte è sempre sul chi va là. La difficoltà a controllare gli accessi all’ospedale “Umberto I” è atavica. L’ingresso pedonale principale è sempre aperto e non presidiato. Il personale medico e paramedico lamenta la presenza continua di familiari dei pazienti in giro per i corridoi interdivisionali. Anche fuori orario di visita e quando i servizi ambulatoriali sono chiusi. (Salvatore D’Angelo – La Città di Salerno)

http://www.positanonews.it/articolo/171619/nocera-i-clochard-dormono-nell-ospedale-entrano-di-notte-e-si-appartano-nelle-zone-meno-frequentate

Nocera. I clochard dormono nell’ospedale, entrano di notte e si appartano nelle zone meno frequentateultima modifica: 2016-01-30T10:45:27+01:00da sagittario290
Reposta per primo quest’articolo