Rapinano 100mila euro di pensioni


LUCCA

PRIMA PAGINA – CRIMINALITA’

Rapinano 100mila euro di pensioni
Assalto alle poste di S.Maria del Giudice


Un colpo da manuale. Senza spargimenti di sangue, né feriti, né malori, ma con un bottino più che robusto, visto che i banditi sono riusciti a afferrare la bellezza di 100 mila euro in contanti, in pratica il denaro necessario al pagamento delle pensioni

164789-poste.jpgLucca, 2 dicembre 2008 – Tutto è successo in pochi minuti, ieri mattina poco dopo le 9,30, all’ufficio postale di S. Maria del Giudice, proprio nel centro del paese. Prima è arrivato il furgone portavalori con l’agente che è sceso e ha consegnato il sacco al direttore della filiale. Non appena il veicolo si è allontanato, sono entrati in azione i rapinatori, presumibilmente gente esperta e abituata a mantenere i nervi saldi.

Mentre un complice restava alla guida di una Fiat Uno risultata, poi, rubata a San Giuliano Terme — presumibilmente durante la notte visto che il proprietario, successivamente contattato dai carabinieri che avevano ritrovato la vettura, ancora non sapeva niente del furto — gli altri due, con il volto travisato da due calze da donna, facevano il loro ingresso nell’ufficio. Quest’ultimo, in quel momento, ospitava il direttore, un’impiegata e alcuni clienti. I banditi, uno dei quali impugnava un’arma, una pistola e l’altro una mazzetta del tipo di quelle utilizzate dai muratori, non hanno perso tempo. Senza esitazioni si sono fatti consegnare il sacco con dentro il denaro contante dopodiché non hanno nemmeno avuto il bisogno di chiudere i presenti nel bagno. Infatti, sono schizzato fuori e, in pochi secondo, si sono dileguati riuscendo a far perdere le proprie tracce. E’ stato dato immediatamente l’allarme e sul posto è arrivata una pattuglia di militari della stazione di San Lorenzo a Vaccoli unitamente ai colleghi del Norm e del reparto operativo.

Un veloce sopralluogo nei dintorni ha permesso di trovare, nei pressi del campo sportivo nella parte bassa della frazione e, quindi, a poche centinaia di metri di distanza dalla filiale delle poste, la Fiat Uno usata per la rapina. Evidentemente i banditi hanno subito cambiato vettura. Nell’abitacolo non sono stati lasciati gli oggetti impiegati per mettere a segno la rapina. L’auto è stata presa in consegna dai carabinieri che la esamineranno in cerca di impronte o indizi utili alle indagini. Purtroppo, però, nonostante i posti di blocco disposti sulle principali arterie, dei banditi nessuna traccia. Non è da escludere che abbiano passato il foro di San Giuliano per poi fuggire verso il mare o l’entroterra pisano-livornese.

Non è la prima volta che l’ufficio postale di S. Maria del Giudice viene preso di mira dai malviventi. Era già accaduto nel settembre del 2002 quando venne rapinato da due banditi… disarmati. Senza dire una parola, infatti, portarono via 27mila euro destinati al pagamento delle pensioni. Poi ancora nel maggio del 2003, quando un rapinatore solitario armato di pistola e con il volto coperto da una calzamaglia, intimò ai presenti di stare calmi poi si fece consegnare dalla direttrice i soldi della cassa e della cassaforte. Bottino: circa 10mila euro. Infine nel maggio 2005, ma quella volta andò male al maldestro rapinatore armato di pistola che venne disarmato e neutralizzato da due robusti clienti all’interno dell’ufficio postale.

Aldo Grandi

Rapinano 100mila euro di pensioniultima modifica: 2008-12-03T11:30:00+01:00da sagittario290