Sono stati sorpresi a rubare nel deposito merci del centro commerciale: attendevano l’oscurità per mettere a segno i propri colpi


Edizione CIRC_NORD

21/03/2007

IL BLITZ

Sono stati sorpresi a rubare nel deposito merci del centro commerciale: attendevano l'oscurità per mettere a segno i propri colpi

MONICA D'AMBROSIO Mugnano. Il loro compito era quello di vigilare tra le gallerie dell'Auchan di via Pietro Nenni. Invece Salvatore Principato, 55 anni di Marianella, e Raffaele Riccardi, 53 anni di Napoli, sono stati sorpresi a rubare dal deposito merci del centro commerciale. Le due guardie, dipendenti di una nota agenzia di vigilanza di Mugnano, attendevano il turno notturno per mettere a segno i colpi. Erano quasi sempre in coppia, e agivano secondo una dinamica tanto efficiente quanto sicura. Dopo aver atteso che gli edifici fossero totalmente vuoti, e che tutte le luci si spegnessero, entravano in azione. Un gioco da ragazzi introdursi nei magazzini, dove i quarantadue esercenti del centro tenevano in giacenza materiale da vendere, per poi mettere le mani su prodotti di elettronica, capi di abbigliamento, scarpe, accessori o addirittura generi alimentari. Piccole quantità che non avrebbero destato sospetti. E, invece, la storia andava avanti da troppo tempo perché qualcuno non segnalasse la scomparsa di merce inventariata e così, proprio su Principato e Marianella, entrambi incensurati, si erano concentrati i sospetti del capo della vigilanza. Era da tempo infatti, che gli esercenti del centro denunciavano la scomparsa di materiale deposto in giacenza in attesa di andare a rifornire gli scaffali. Gli inventari non lasciavano spazio a dubbi. La merce in questione spariva nottetempo. E ieri notte le due guardie sono tornate in azione. Questa volta avevano messo gli occhi su profumi griffati d'ultima collezione. Come consuetudine, i VIGILANTES hanno atteso il momento opportuno per introdursi nel deposito. Non sapevano ancora di essere sospettati e che, con la collaborazione del loro capo, i carabinieri agli ordini del capitano Gaetano De Biase, li stavano osservando all'esterno del centro commerciale. L'intervento dei militari proprio quando le due guardie giurate hanno asportato dal magazzino profumi per un valore di appena 100 euro. I carabinieri hanno sequestrato le pistole d'ordinanza per poi disporre il trasferimento dei due incensurati in carcere, accusati e condannati con rito diretto, per il reato di concorso in furto.

Sono stati sorpresi a rubare nel deposito merci del centro commerciale: attendevano l’oscurità per mettere a segno i propri colpiultima modifica: 2007-03-22T19:54:11+01:00da sagittario290