Violinista del San Carlo aggredita con calci e pugni


Edizione NAZIONALE

15/06/2006

Violinista del San Carlo aggredita con calci e pugni

MARISA LA PENNA Si è accorta di avere gli aggressori alle costole quando ormai aveva aperto il portone di casa. Troppo tardi per urlare. Troppo tardi per fermare un automobilista e chiedere aiuto. Erano in quattro. L'hanno presa a pugni e schiaffi. Ma lei ha difeso il suo violino, il suo costosissimo strumento di lavoro, nonostante le percosse. E i giovanissimi malviventi – («non avevano più di sedici anni», dirà agli agenti del drappello ospedaliero la violinista del San Carlo, di origine croata) non hanno potuto fare altro che allontanarsi. Anche perché il trambusto aveva richiamato gli inquilini del palazzo. È accaduto l'altra sera al civico 28 di via Pontenuovo, che congiunge via Foria con piazza San Francesco (ex pretura), la parallela di via Cesare Rosaroll. Un palazzo che negli ultimi mesi ha ricevuto ben sei raid della babygang, sempre di sera. Sei inquilini aggrediti a scopo di rapina. Per questo c'è chi ha proposto di «assoldare» guardie giurate. Se ne parlerà nella prossima riunione straordinaria di condominio. E faranno altrettanto anche i condomini di altri palazzi della strada. Ne parla l'architetto Ada Cioffi, che abita nel palazzo della violinista aggredita. «Sì, in tanti chiedono una maggiore vigilanza della zona. Per questo c'è chi ha proposto un servizio di GUARDIE GIURATE pronte a intervenire in caso di aggressione» dice la professionista. E aggiunge: «Non ho assistito al tentativo di rapina subito l'altra sera dalla mia coinquilina. So che è stato messo a segno da una banda di giovanissimi malviventi con ferocia. So che puntavano al violino. Evidentemente sapevano che è un oggetto prezioso». A dirsi assolutamente contrario all'ipotesi vigilantes è Armando Simeone, consigliere di Rifondazione comunista della Municipalità San Lorenzo-Vicaria. «Mica siamo in Brasile? Sono del parere che l'ordine pubblico, la prevenzione, debbano essere compito delle istituzioni e non del privato. Ho già chiesto al vicequestore Bencivenga, dirigente del locale commissariato, di presidiare meglio la zona interessata da queste aggressioni di giovanissimi criminali. Mi è stato assicurato che ci sarà un passaggio più frequente delle volanti. Insomma l'area verrà meglio presidiata» assicura l'esponente di Rifondazione comunista.

Violinista del San Carlo aggredita con calci e pugniultima modifica: 2006-06-16T11:00:25+02:00da sagittario290

Un pensiero su “Violinista del San Carlo aggredita con calci e pugni

I commenti sono chiusi.